Piante perenni

All posts tagged Piante perenni

Per capire cosa sono le piante perenni, possiamo farci aiutare dal nome stesso con il quale sono chiamate: sono piante generalmente erbacee perché non hanno uno stelo legnoso e perenni perché il loro ciclo vitale non termina nel corso di una sola stagione come per le piante annuali ma si ripete ogni anno; difatti vanno a riposo durante la stagione invernale e riprendono la fase vegetativa in primavera.

Le perenni si posso suddividere in gruppi:

Piante perenni da giardino roccioso

Piante perenni d’aiuola

Perenni da bordure

Perenni da sottobosco

Perenni  tappezzanti e coprisuolo

Perenni da palude e acquatiche

Cottage GardenLe piante perenni sono piante per lo più molto rustiche, hanno una vita lunga, non hanno bisogno di cure particolari se non in limitate varietà e fioriscono per un periodo che varia dai 3 ai 5 mesi, pertanto se abbinate sapientemente possiamo ottenere fioriture scalari che vanno da Gennaio a Dicembre.

Generalmente necessitano di poca acqua, e non sono particolarmente esigenti dal punto di vista pedologico (è sufficiente un terreno fresco e leggero): in ogni caso vale sempre la regola “se ti conosco vivi a lungo”. Ogni pianta erbacea perenne ha le proprie caratteristiche con le relative esigenze;
il segreto per mantenerle belle e rigogliose è quello di cercare di ricreare nel proprio giardino, terrazzo o fioriera un habitat simile a quello naturale nel quale crescono spontaneamente.

Per lo più gran parte delle perenni è di facile coltivazione, raramente vengono attaccate da parassiti in maniera grave e richiedono relativamente poca cura, specie se crescono nel rispetto delle loro esigenze specifiche di esposizione, terreno e irrigazione.

Le uniche cure richieste sono una pulizia primaverile o autunnale dei fusti esausti dell’annata precedente e l’eventuale taglio negli esemplari semilegnosi.

Alle volte, per le varietà più alte, può essere necessario l’impiego di tutori.

Alcune piante perenni, specialmente le varietà con fioriture successive alla primavera, durante la stagione invernale perdono l’apparato vegetativo, cioè vanno a riposo sopravvivendo anche a temperature gelide e con l’arrivo della primavera ricominciano a germogliare.
Perché utilizzare le Piante Perenni ?

Innanzitutto dobbiamo sottolineare che all’interno di questa categoria troviamo una enorme varietà di fiori, con colori bellissimi e forme diverse tra loro. A questo si possono aggiungere le incredibili differenze di portamento, utilissime per creare movimento nelle bordure e, non ultimo, la forma e le colorazioni delle foglie, molto importanti per alternare in modo piacevole le varie tessiture. Sono interessanti anche durante l’inverno le specie e varietà  che lasciano bacche, infruttescenze soffici o baccelli che possono essere coperti dalla neve o dalla brina creando delle atmosfere magiche.
Le perenni sovente non sono solo belle da ammirare. Infatti alcune sono molto profumate e tra esse possiamo annoverare anche alcune piante aromatiche.

I profumi in giardino non dovrebbero mai essere sottovalutati perché sono la caratteristica che si fissa più profondamente nella nostra mente e possono diventare la caratteristica più evocativa con il passare degli anni.

Inoltre le infiorescenze delle perenni hanno la capacità di rendere il nostro giardino “vivo” attirando insetti gradevoli come gli uccelli, le api e le farfalle.

Le perenni presentano molti vantaggi rispetto alle piante annuali e alle biennali.

Prima di tutto la gran parte di loro dura molti anni e tendono ad allargarsi o a disseminarsi. E’ quindi molto difficile che si perdano o che muoiano definitivamente.

Se una certa varietà ci piace molto è sufficiente aspettare qualche anno perché si ingrandisca per poi dividerla durante l’inverno e creare altre piante da utilizzare in altre parti del giardino o da regalare ad altri amanti del verde.

Come possono essere usale le piante perenni in giardino ?

Le piante perenni si prestano a moltissimi utilizzi, infatti esiste una vastissima gamma di queste piante, pronte a soddisfare ogni particolare esigenza. Le perenni si prestano ad essere utilizzate in piccoli o grandi spazi nella progettazione di un giardino, per giardini rocciosi, per realizzare aiuole, per il sottobosco e per zone fresche ed umide.
Le perenni sono piante molto varie e versatili: possono essere impiegate da sole come esemplari isolati (ad esempio le peonie) oppure in gruppo in giardini formali o in bordure con annuali, bulbose, rizomatose o arbusti. Possono essere coltivate anche in contenitori e inserite nel giardino al momento della fioritura in maniera da avere sempre colore oppure trovare una collocazione su balconi e terrazzi.

In genere le perenni e gli arbusti sono considerati la struttura portante in un giardino, ciò che lo caratterizza maggiormente dato che creano degli schemi che si ripresentano ogni anno a cui possono poi essere abbinate le piante annuali e le bulbose, più facili da spostare e inserire creando un elemento di innovazione ogni anno.

Avendo i più diversi portamenti (tappezzanti, rampicanti, erette, prostrate) non stupisce che riescano sempre a trovare una collocazione e siano ogni giorno più utilizzate.
Una delle caratteristiche peculiari delle perenni è la loro varietà, anche all’interno della stessa specie.

All’origine di questa abbiamo la grande capacità di avere delle mutazioni nel colori, nella forma dei fiori e nel loro habitus (per esempio varietà nane). Questi fenomeni si verificano sia in natura, sia in coltivazione.

Insomma, esiste una piante perenne per ogni specifica esigenza.

Divertiamoci a trovarla!